Ti trovi qui: Home > Territorio > Fiumicello
 
Fiumicello

Caratterizzato dalla tranquillità del luogo e dai facili collegamenti stradali tra i vari paesi, il comune di Fiumicello può vantare una posizione geografica di rilevante importanza. Situato infatti su un fertile terreno pianeggiante della bassa pianura friulana, è una realtà agricola tra le più interessanti della regione, anche alla luce della trasformazione delle aziende un tempo dedite quasi esclusivamente alla coltura cerealicola, oggi orientate in particolare verso le colture ortofrutticole e floreali in serra.

Luogo di cultura contadina e rurale, nasce dopo la fondazione di Aquileia come borgo agricolo dell'importante colonia romana e prende il nome dal vocabolo latino Flumen. Nei secoli XV e XVI, che vedono l'inesorabile declino della potenza patriarcale, Fiumicello risente notevolmente delle lotte tra Venezia e gli Asburgo. Cessato nel 1420 il potere civico del Patriarcato di Aquileia, nel 1516 il Friuli viene spartito tra Venezia e la monarchia Asburgica e Fiumicello, assieme ad Aquileia e a molti paesi della bassa, passa sotto il dominio della casa d'Austria e diventa parte della contea principesca di Gorizia.

Nel 1814, dopo una breve parentesi napoleonica, ritorna austriaco fino alla fine della Prima Guerra Mondiale in seguito alla quale diventerà italiano a tutti gli effetti, tuttavia deve aspettare la caduta del Fascismo e la fine della Seconda Guerra Mondiale per riacquistare la sua autonomia.